Articoli

Sabato, 23 Agosto 2014 16:08

Intervista Gazzetta del Mezzogiorno 22 Agosto 2014

Un paio di precisazioni: una distinzione fondamentale che occorre fare quando si parla di Stress è la differenza tra Eustress e Distress: il primo è lo stress "positivo" ovvero quella soglia di attivazione del nostro organismo e della nostra psiche utile per farci sentire "vivi" (un nuovo lavoro, il matrimonio, la nascita di un figlio); il secondo è lo stress "negativo" ossia quello eccessivo e troppo duraturo che mette a dura prova le nostre capacità di adattamento e le strategie di coping e porta in alcuni casi alla manifestazione di sintomi fisici e psichici.

La percezione dello stress non è direttamente correlata con lo status socioeconomico ma con il carico di responsabilità personale. Per intenderci, non sono le dimensioni del nostro conto in banca a renderci più o meno stressati: un dirigente che ha la responsabilità di decidere se e come mandare avanti un'azienda o se licenziare i propri dipendenti sarà sottoposto ad uno stress simile a quello di un padre o di una madre che hanno perso il lavoro e hanno difficoltà a mantenere la famiglia. Chiaramente ci sono da prendere in considerazione le variabili relazionali che innalzano la soglia di stress: il livello di coinvolgimento emotivo che esiste tra un manager ed i suoi sottoposti è ovviamente meno intenso di quello tra un genitore ed i propri figli. Maggiore è il coinvolgimento e l'investimento emotivo tanto più elevato sarà il livello di stress percepito.

Pertanto possiamo dedurre che parlare di stress in maniera generica, senza prendere in esame tutte le variabili che possono entrare in gioco, non è clinicamente corretto.

Informazioni aggiuntive

  • Scritto da: Dott.ssa Maria Facilone

Articoli più letti

La memoria infantile

Analisi cognitiva di come viene ricordato un evento e di come questo puo' influenzare la testimonianza da parte di un...

Leggi tutto

Il labirinto della dipendenza da sostanz…

Questo articolo si propone di analizzare uno dei più intricati, mutevoli ed enigmatici fenomeni sociali: la dipendenza da sostanze. “La tossicodipendenza...

Leggi tutto

Dott.ssa Facilone

Psicologa e Psicoterapeuta ad Orientamento Psicoanalitico, Gruppoanalista, Psicologo Giuridico e Psicopatologo Forense.

Dove sono

Via Giulio Petroni 37/F - 70122 Bari 

Cell. 328 3721698
Email: info@psicologafacilonebari.it

Facebook Like